home page GAIA
Home
Presentazione
Assistenza
Download
Formazione
Contatti
Guida







Presentazione -> Funzionalità
Storia Obiettivi Caratteristiche Funzionalità
Slide Demo Flusso dati

Le principali funzioni di GAIA

 

La sequenza logica delle registrazioni contabili ed extracontabili:

1 - Definizione del contesto aziendale (impresa – azienda – centri aziendali)

2 - Creazione e aggiornamento delle anagrafiche (diretta e/o derivata dalla gestione tecnica o contabile)

3 - Gestione tecnica

- delle superfici aziendali (piantagioni e seminativi)
- della manodopera (nucleo familiare, dipendente, occasionale)
- dei magazzini (impieghi interni di prodotti agricoli aziendali ed extraziendali)
- degli animali (nascite, morti, macellazioni, affidamenti, consistenze bimestrali)

4 - Gestione contabile

- Entrate e uscite (con o senza IVA, economico-finanziarie, per settore)
- Contributi pubblici (aiuti alla gestione e agli investimenti)
- Autoconsumi, rimonta interna e altre operazioni finanziarie

5 - Operazioni di chiusura

- Margini Lordi (processi produttivi vegetali ed animali, agriturismo)
- Costruzioni in economia e manutenzioni straordinarie
- Operazioni contabili di fine esercizio (accantonamenti, ratei e risconti, ecc.)



Classificazione e ordinamento logico delle informazioni gestite da GAIA:

Contesto aziendale: anagrafiche dell’impresa, del rappresentante legale e dell’azienda. Per coerenza logica con il fascicolo aziendale (dlgs 173/98), Ogni azienda può essere ulteriormente articolata in centri aziendali, a cui vengono riferiti terreni, fabbricati e piantagioni, indipendentemente che siano o meno di proprietà della stessa azienda agricola.

Beni immobili: relazione diretta degli appezzamenti, dei fabbricati e delle piantagioni al centro aziendale (centro produttivo). Georeferenziazione dei centri produttivi dell’azienda (numero del foglio di mappa catastale, distanza dal centro abitato).

Terreni: la superficie disponibile definita in appezzamenti, distinti a loro volta in funzione della qualità catastale, delle caratteristiche fisiche del terreno, dell’altitudine, se irrigabile, ecc. L’utilizzazione dei terreni è distinta in colture erbacee e piantagioni. Le piantagioni sono a loro volta distinte in legnose agricole e forestali. Ogni coltura è identificata in base alla specie, la varietà, le modalità di coltivazione, la forma di allevamento, la densità di impianto, il sistema di irrigazione, con la posizione nella rotazione, se utilizzata a fini energetici, ecc.

Allevamenti: vengono distinti in animali da vita e animali da ingrasso, in proprietà o a contratto, terrestri o acquatici. Ammortamento degli animali da vita. Rilevazione delle razze (l’attitudine produttiva è legata alla razza).

Magazzini: dettaglio analitico dei prodotti agricoli sia di origine aziendale che extraziendale. Dettaglio tipologico per concimi, prodotti di difesa, materiali per la trasformazione, prodotti farmaceutici per la cura degli animali, ecc.

Certificazioni: di processo sia per le colture sia per gli allevamenti (biologico, Igp, Dop, Doc, Emas, ecc.). Certicazioni di qualità per dei prodotti agricoli sia di origine aziendale che extraziendale (marchi, biologico, ecc.). Certificazioni globali a livello di azienda per le attività di produzione, trasformazione, pratiche agronomiche, attività connesse, vendita diretta dei prodotti, BPA, CGO, BCAA, Ridotto impatto, Biologico in conversione e a regime.

Nucleo familiare: rilevazione di tutto il nucleo familiare (anche i componenti che non prestano attività lavorativa in azienda). Informazioni dettagliate: grado di parentela con il conduttore, titolo di studio, condizione professionale, occupazione e classi di reddito extraziendale, ruolo che occupa in azienda e settori dove presta il proprio lavoro

Dipendenti: nominativi distinti per sesso, tipo di rapporto lavorativo (t.i., t.d., collaboratori) tipo di qualifica (operaio, impiegato, dirigente, ecc.). Dati dettagliati: anno di nascita, responsabilità di gestione, anno di assunzione, attività per periodi e tipo (coltivazioni, allevamenti, trasformazione, commercializzazione, agriturismo, ecc.)

Avventizi: informazioni dettagliate sul Paese di provenienza, tipo di qualifica (operaio comune, qualificato, specializzato, ecc.), attività aziendali (coltivazioni, allevamenti, trasformazioni, attività connesse, ecc.), periodo d’impiego, incidenza delle donne sul nr totale degli avventizi

Attività connesse: per ogni tipo di servizio offerto con l’attività agrituristica (locazione, ristorazione, campeggio, visite guidate, fattorie didattiche, ecc.) vengono rilevate le caratteristiche degli stessi (n. di camere, coperti, superficie a maneggio, ecc.). Dettagli anche per i servizi offerti con le altre attività connesse (contoterzismo, attività artigianali e ricreative, fattorie didattiche e sociali, altri servizi, ecc.).

Gestione finanziaria: dettaglio sui crediti (tipologia e oggetto) e sui debiti (funzionamento e finanziamento), suddivisi per destinazione aziendale (es. debiti per la gestione, e debiti per le immobilizzazione, ecc.)

Diritti di produzione: quote latte, reimpianto vigneti, titoli pagamento unico (t. storici standard, da ritiro, speciali, riserva, ecc) distinti in base al titolo di possesso, le modalità di acquisizione e la fonte. Altri diritti immateriali (licenze, marchi, ecc.)

Contributi pubblici: distinti in aiuti alla gestione in c/esercizio e aiuti agli investimenti. I primi suddivisi in a. all’azienda nel complesso (nuova pac, agroambiente, indennità, ecc.), per le colture (qualità, bio, ecc.), gli allevamenti (biologico, commercializzazione, certificazione, tutela, ecc.)

Analisi dei processi aziendali: margini lordi per specie vegetale e modalità di coltivazione, specie animale, attività connesse. Contribuiti diretti distinti dai ricavi totali. Attribuzione del costo del lavoro aziendale (manodopera e macchine) per il calcolo del Margine Operativo

Analisi dei risultati di gestione: Bilancio Inea, Bilancio civilistico, Indici di bilancio. Analisi economica (Roe, Roi, Ros, ecc.), analisi patrimoniale (indice di dipendenza, ecc.), analisi finanziaria (indice di liquidità, margine strutturale, ecc.), analisi della produttività (VA/UL, VA/Ha, RO/UL, ecc)

 

La gestione contabile

GAIA utilizza il metodo della partita doppia per la verifica costante delle rilevazioni (dare = avere), ma l’utente non ha bisogno di conoscerne le regole, basta seguire la sequenza di immissione dei dati proposta dal programma.

 

Per rilevare correttamente un fatto gestionale occorre avere a disposizione le seguenti informazioni di base:

- Data di registrazione
- Settore di attività (agricoltura o attività connesse)
- Tipo di operazione (es. vendita, acquisto, …)
- Oggetto generico (es. prodotti agricoli, spese colture)
- Oggetto specifico (es. fieno, granella, vino, formaggio, …)
- Tipo di variazione finanziaria (es. cassa, banca, …)

 

Le movimentazioni in Prima nota si articolano in quattro fasi:
- Tipo di attività, data e riferimenti (intestazione)
- Tipo di oggetto, importo e quantità (prima sezione)
- Modalità finanziaria e importo (seconda sezione)
- Verifica e chiusura (controllo finale)

La finestra di immissione segue questa sequenza e consente all'utente di passare da una fase all'altra premendo un pulsante di conferma (o aggiungi) fino a completare la movimentazione.


Le operazioni contabili possono essere gestite in modo simultaneo e congiunto:

- sono unità elementari dell'attività operativa
- sono caratterizzate da livelli diversi di complessità, quindi classificabili e registrabili in modo differente
- devono essere interpretate non singolarmente ma all'interno del sistema di cui fanno parte


Le operazioni contabili possono essere di due tipi:
- Operazioni di interna gestione (autoconsumo, rimonta interna, …)
- Operazioni di esterna gestione (vendite, acquisti, …)


Ogni operazione di esterna gestione contabile alimenta un flusso finanziario:
- l'acquisizione di fattori produttivi rappresenta un investimento che viene misurato (costo) dalla quantità dei mezzi monetari che escono dall'azienda (uscite);

- la cessione dei prodotti e servizi rappresenta un disinvestimento che viene misurato (ricavo) dalla quantità di mezzi monetari che entrano in azienda (entrate).


 

- aspetto economico: formazioni di costi e ricavi quantificabili solo con l'uscita e l'entrata di numerari che li misurano
- aspetto numerario (finanziario): derivato da quello economico e che ne misura la dinamica monetaria


 



RICA CREA-PB
Login   Registrati
Strumenti e servizi

Albo Rilevatori
ClassCE Lite
PSA CREA-PB
BDR Online
Flusso Dati


About GAIA




Info

Via Po, 14
00198 Roma
tel. +39 0647856526

e-mail. rica.gaia@crea.gov.it

- - - - - - - - - -

referenti Rica regionali